Intervista a Benoît Laval, ripercorre le sue esperienze di corsa

19.01.2024
Désert
Interview de Benoît Laval, retour sur ses expériences de courses

 Benoît Laval, trailer appassionato con un palmares impressionate:

  • Più di 200 gare Trail in 32 paesi e con 65 vittorie
  • Selezionato nel Team Francia del Trail nel 2010
  • 2°, 4° e 5° al Grand Raid de la Réunion
  • 5 Marathons des Sables
  • 5° all’Ultratrail Gobi Race (400 km non-stop)
  • 2 gir al Barkley
  • Campione del mondo di Raids d’Orientation IOF, campione di Francia con racchette da neve, vice-campione di Francia di Trail, vice-campione di Francia di Raids d’Orientation
  • Vincitore della Maratona della Grande Muraglia Cinese, della Barkley Fall Classic, dell’Annapurna Mandala Trail, di 3 prove del Campionato di Francia di Trail, etc…

Benoît è anche un affermato imprenditore: 

fondatore del Marchio di trail Raidlight e oggi anche dell'agenzia viaggi NED - Trail To Be Alive, che propone viaggi per corse a tappe all'estero. Aziende legate alla sua passione e nella quali investe e si sviluppa a Saint-Pierre-de-Chartreuse.

Ciao Benìt, la tua vita sembra essere stata costruita attorno alla corsa, sia a livello personale, come dimostra il tuo curriculum, che a livello professionale con la società Raidlight che hai creato nel 1999, e NED Trail to be Alive che hai rilevato nel 2020. Come nata questa passione per il trail running?

Ho iniziato con l'atletica a 10 anni, mio ​​padre faceva corsa e maratone, e io andavo in palestra il mercoledì pomeriggio, poi sono passato al mercoledì e il sabato, poi quattro volte a settimana, a questo punto è nata la passione e un gruppo di amici. Mi piacevano già le gare complicate e lunghe, ad esempio il cross country e i 3000 siepi. Allo stesso tempo, sono sempre stato appassionato di montagna, ho seguito corsi di formazione di corsa in montagna dall'inizio degli anni '90, e durante le vacanze estive da studente ho attraversato di corsa i Pirenei nel 1994, più di 600 chilometri in totale, con uno zaino, una tenda, un sacco a pelo, e il minimo indispensabile, tutto solo così, all'epoca, era un po' più selvaggio, senza GPS, senza smartphone, senza Internet... Poi ho iniziato davvero con il Trail running nel 1998 con la Défi de l'Oisans, corsa a tappe di 200 chilometri, e l'anno successivo sono stato al Grand Raid de la Reunion chiudendo 5°.

Hai esperienze in diverse format gara, quale ti entusiasma di più e perchè?

Ho sempre amato scoprire cose nuove, nuovi orizzonti, nuove sensazioni. Ho fatto la mia prima maratona a 19 anni con allenamento per 1.500 metri, sono andato a correre sulle scale come l'Empire State Building facendo contemporaneamente ultra-trail, ho provato i 100 chilometri su strada, le corse a tappe, le corse nel deserto, le ciaspolate , orientamento…

Penso che fin dall'inizio mi piaceva quando era in modalità “libertà”, con gran parte di scoperta e incertezza. Spesso racconto la mia esperienza alla misteriosa Barkley, una gara estremamente semplice e durissima allo stesso tempo. Il mio ricordo più forte è l'Ultra Trail Gobi Race, 400 chilometri no-stop nel deserto del Gobi in Cina, quattro giorni e mezzo correndo verso l'orizzonte, immerso nella natura e con il minimo necessario nello zaino.  

A seguito di queste numerose esperienze, cosa hai imparato della pratica intensiva del trail running su lunghe e lunghissime distanze?

Da tutte queste esperienze ho fatto la mia carriera, che al di là del lavoro c'è soprattutto il mio desiderio di occupare i miei neuroni facendo qualcosa che mi interessa.

Prima di tutto, partecipando al design del prodotto in Raidlight, dove sento subito se uno zaino, una maglia o un accessorio sarà adatto alla corsa. Lo sento grazie a tutta questa esperienza accumulata in tutte queste diverse condizioni.

Quindi, organizzo i trail a tappe di NED – Trail to be Alive con questa esperienza accumulata di più di trenta corse a tappe nella mia vita di corridore, di tutti i miei viaggi accumulati e della mia capacità di leggere una mappa e paesaggi. L'organizzazione di questi viaggi mi permette di viaggiare con un puzzle da costruire durante le ricognizioni, per trovare percorsi interessanti, e l'organizzazione quando i corridori sono lì per condividere tutta questa passione.

Poiché sei un esperto in questa pratica di trail di lunga distanza, ne approfitteremo! Che consigli daresti a chi inizia a praticare questa disciplina?

Devi seguire il tuo istinto, i tuoi desideri e i tuoi sogni. Se vuoi fare un ultratrail su lunga distanza, non è più difficile che fare un trail classico o una maratona. Non ha senso aspettare 5 o 10 anni. Se sei già in buone condizioni fisiche, il mio consiglio è di iniziare scrivendosi alla gara e pensarci dopo!

Tutto ciò è in ogni caso sovrumano, ma sia fisicamente che mentalmente possibile con un minimo di adeguata preparazione della durata di qualche mese.

Hai una carriera professionale parallela a quella sportiva, come sei riuscito ad ottenerle contemporaneamente?

Io invertirei la questione. Ho sempre passato più tempo a lavorare che a correre, in maniera abbastanza classica. Ho studiato ingegneria, ma non ho mai smesso di fare sport. Ho sempre avuto un lavoro molto impegnativo, ma non ho mai smesso di correre.

È una scelta su come organizzare il proprio tempo; ognuno può trovare il tempo per perseguire una passione qualunque essa sia. Durante la settimana, generalmente 3 volte a settimana, mi dedico da un'ora a un'ora e mezza per allenarmi, mentre nel fine settimana è più facile fare di più.

A livello organizzativo, ho sempre scelto di vivere vicino al mio posto di lavoro, e vicino a un bel posto dove andare a correre nella natura, come a Saint-Pierre-de-Chartreuse, dove vivo da una dozzina di anni. Questo mi permette di non perdere tempo nei trasporti, tempo che posso dedicare allo sport.

E in termini di preparazione sportiva ho sempre privilegiato la qualità rispetto alla quantità. Vale a dire allenamenti più brevi ma più intensi nel ritmo e nella variabilità. Ciò richiede meno tempo nel programma, stimolando il corpo a tutte le intensità necessarie per la competizione, con meno affaticamento generale.

Dopo diversi anni di pratica intensiva, a volte è difficile mantenere un rapporto sano e appagante con il proprio sport. Quali sono i tuoi consigli per evitare la noia o, al contrario, diventare ossessionati?

Secondo me dobbiamo variare i nostri piaceri e avere sempre nuovi sogni e desideri.

Spesso è consigliabile affiancare alla corsa un potenziamento muscolare o praticare degli sport complementari. Quali sono le tue abitudini di allenamento?

Ci piace complicare le cose. Ma la corsa ha la facilità di poter essere praticata ovunque e in qualsiasi momento con poca attrezzatura. Per questo motivo e visti i miei orari, ho sempre e soprattutto corso.

Per concludere questo scambio di informazioni e perchè siamo anche curiosi, vorremmo sapere quali saranno i tuoi prossimi obiettivi e a quale pettorali aspiri segretamente?

Da quando NED Trail to be Alive è ripartito nel 2020, ho passato molto tempo a organizzare gare e a correre molto in ricognizione di queste nuove destinazioni. Per me, è senza pettorale, ma con una proiezione mentale di una competizione sportiva.

Per quanto riguarda i pettorali, ora sono più concentrato sulle grandi avventure, ad esempio la Himal Race (1.000 chilometri a tappa in Nepal), oppure guardo anche alla Badwater. Sto anche cercando di fare un'avventura di diverse centinaia di chilometri da solo nel deserto...

Torna al blog