Interview Benoît Laval, ses conseils pour le Raidlight Désert Trophy

Intervista a Benoît Laval, i suoi consigli per il Raidlight Desert Trophy

Benoît Laval, ingegnere tessile e appassionato di montagna e corsa, che pratica dall'età di 10 anni. Ha costruito la sua vita attorno alle sue passioni fondando Raidlight nel 1999 e rilevando l'agenzia di viaggi NED - Trail To Be Alive, specializzata in viaggi sportivi, trail ed escursioni a tappe all'estero.

Il suo palmares sportivo è stato costruito parallelamente alle sue attività: 2° al Grand Raid de la Réunion nel 2003, 9° alla Marathon des Sables nel 2004, Team Francia Trail nel 2010, Ultra-Trail 400km di Gobi nel 2015, Barkley nel 2016...

 

PUNTO 1: ALLENAMENTO

Ciao Benoît, la gara del Raidlight Desert Trophy si sta avvicinando rapidamente, quindi siamo qui per fornire quanti più consigli possibili ai futuri partecipanti a questo evento. Innanzitutto, quando consigli di iniziare la preparazione specifica per questa gara e quali sono i prerequisiti?

In generale, questo tipo di corsa nel deserto è la continuazione di una pratica da diversi anni, e devi soprattutto fare affidamento sui tuoi anni di esperienza.

Ma organizziamo anche questa gara in modo che sia accessibile con un percorso non troppo difficile, e provvedendo a quasi tutta la logistica con pasti, tenda e materassino. Offriamo anche 2 percorsi: uno di 160km in 4 giorni per corridori esperti e l'altro di 100km in 4 giorni, più facile e aperto a corridori e camminatori. Dal punto di vista dell'allenamento specifico, da 2 a 3 mesi è un buon tempo di preparazione.

 

L'allenamento dipende dal livello del corridore e dal suo obiettivo, ma quale volume di allenamento (settimanale) consiglieresti a chi ha con l'obiettivo di concludere questa gara?

Uno dei primi rischi è cambiare troppo le proprie abitudini, aumentare troppo i volumi, … e infortunarsi prima della gara. L'altro rischio è allenarsi troppo con uno zaino troppo pesante, … e farsi male.

Secondo me bisogna prepararsi con un piano di allenamento tipo “maratona”. Vale a dire con resistenza, e anche lavorando a ritmi più veloci. In generale, è richiesto un minimo di 3 allenamenti a settimana.

 

Questa gara in Giordania si svolgerà su diversi tipi di terreno (sabbia, roccia), su cosa è meglio concentrarsi in allenamento? (Trail, strada, montagna, etc.)

Molti trail runner sono attratti dalle corse nel deserto. Dopo la montagna, è come una continuazione nella ricerca dei paesaggi e della conoscenza di sé per un trailer. Tuttavia, queste gare rientrano nella categoria molto scorrevole.

Al Raidlight Desert Trophy ci sono circa 500 metri di dislivello sulle tappe da 30 o 60km, semplicemente lunghi falsipiani e qualche piccolo canyon da attraversare. Bisognerà saper coniugare il ritmo regolare del maratoneta e l'esperienza fuoristrada del Trailer per saper variare le andature in base al terreno e sostenere lo zaino.

 

Anche le fasi di recupero sono fondamentali, quali sono i tuoi consigli per massimizzare questo processo? (Accessori, rituali etc.)

Il recupero è infatti parte integrante di un processo di allenamento, in genere è necessario programmare una settimana di relax ogni 3 o 4 settimane. Ma bisogna ascoltare anche il tuo corpo e saltare alcuni allenamenti, se ci si sente troppo stanco. L'importante è sentire un miglioramento settimana dopo settimana, sentire che la condizione fisica e il ritmo aumentano con il passare degli allenamenti.

 

PUNTO 2: MATERIALE

In un secondo post sul blog, abbiamo già stabilito un elenco di attrezzature da avere per questa gara, vorresti aggiungerne altri?

Un punto fondamentale è partire LEGGERI. C'è l'attrezzatura obbligatoria, e poi quasi nient'altro. Per 4 giorni nel deserto, devi portarti il minimo. Una maglia di ricambio, un paio di calzini di ricambio, e una biancheria intima di ricambio, giacca e pantaloni antivento, e un po' di pile e basta.

La leggerezza dello zaino è performante, ma soprattutto è confortevole con meno peso, e comfort intellettuale con pochi giorni di estrema semplicità.

 

Nella lista del materiale obbligatorio abbiamo inserito gli zaini Revolutiv 24-30L, Endurance 10-20 e Raid Legend 24L, qual è la tua preferita e perché?

Con la mia esperienza, prenderei senza esitazione il Revolutiv 24-30, perché è il più semplice e il più leggero. Il Legend 24 offre un po' più di comfort con uno schienale e cinghie con più schiuma, oltre a più tasche per riporre ogni cosa al suo posto, è il nostro best seller da quindici anni.

L'Endurance 10-20 è uno zaino ibrido con una zip che gli permette di essere convertito da 10 a 20 litri, è il più versatile e quello che utilizzo più spesso per gli allenamenti in montagna e per le gite in montagna.

 

Quali sono i tuoi consigli per gestire l'alimentazione nei giorni di gara? (A differenza di altre corse nel deserto, tutti i pasti e le provviste sono forniti dall'organizzazione).

L'idratazione è la cosa più importante. A seconda della temperatura e della morfologia di ciascuno, bere da ½ litro a 1 litro all'ora. E soprattutto prenditi i pochi secondi ai ristori per bere molto sul posto, quello che bevi sul posto non è da indossare dopo.

Per le tappe, al Raidlight Desert Trophy ci saranno semplici rifornimenti con arance, banane, torte salate, uva secca, coca cola e acqua.

Per le prime due tappe, che non sono troppo lunghe, mangiare è un po' superfluo. Per gli ultimi due saranno più necessarie banane, arance e coca cola.

Se vuoi essere un po' più premuroso, portare 5 o 6 barrette o gel negli ultimi due giorni potrebbe completare il kit in caso di necessità. Ma nel complesso, il fatto che siano forniti i pasti e le provviste di base dovrebbe consentire di non preoccuparsi troppo della nutrizione per il Raidlight Desert Trophy.

 

Le vesciche sono spesso l'incubo di un corridore, soprattutto quando il terreno contiene sabbia, hai qualche consiglio per evitarle?

Le vesciche nelle gare nel deserto sono causate dall'accumulo di diversi fattori: calore, zaino, sabbia.

Per la sabbia è indispensabile l'utilizzo di mini ghette desertiche (che ricoprono tutta la scarpa), è la garanzia di non avere sabbia nella scarpa. Devi farti cucire il velcro da un calzolaio, è molto più efficace che attaccarlo e correre il rischio che si stacchi.

Lo zaino caricato da 4 a 6 chili modifica la falcata e gli appoggi. Devi allenarti con esso una volta alla settimana in condizioni di gara. E ci sono prodotti sul mercato per rinforzare i piedi, ed è abbastanza efficace, da un ciclo di circa 1 mese prima della gara.

 

Hai incontrato imprevisti durante le tue gare e cosa consiglieresti per anticiparli?

Per fortuna ci sono tante gare con imprevisti, altrimenti non sarebbe divertente. Tutto non è millimetrico come in una maratona. Devi essere filosofico, calmo e adattabile.

I punti importanti per me:

  1. sapere sempre approssimativamente dove stai andando, memorizzare la topografica, memorizzare il percorso e le quote
  2. avere sempre un piccolo kit di riparazione (filo, ago, laccio, spilli)
  3. avere sempre un piccolo kit di riparazione mentale con dolci e salati.

 

ORGANIZZAZIONE / BIVACCO

Viene specificato chiaramente che la gara è "all inclusive", tutti i viaggi, vitto e alloggio sono quindi compresi nel prezzo del pettorale, ci può riassumere in poche parole lo svolgimento della manifestazione?

Sono due giorni di turismo: il 1° giorno con la visita di Petra, e l'ultimo con i piedi all'aria sulla spiaggia del Mar Rosso. E in mezzo, 4 giorni di corsa con 4 bivacchi. Arriveremo al bivacco la sera dopo Petra, pernottamento in tenda, e la mattina dopo consegniamo i pettorali, i corridori lasciano le valigie e tengono solo gli zaini.

Poi le 4 tappe da correre, con pranzo a buffet all'arrivo, cena, notte in tenda. Dopo la 4a tappa, gli autobus ci aspetteranno e andremo in hotel ad Aqaba sul Mar Rosso.

 

La vita da bivacco è organizzata in tende berbere di più persone, quali sono gli elementi da conoscere e le attrezzature da non dimenticare?

I bivacchi cambieranno posto ogni sera per vedere più paesaggi. Le tende sono grandi e beduine, da 12 a 15 persone, aperte su 3 lati. Forniamo materassi spessi 4-5 cm abbastanza comodi. I pasti saranno consumati sotto le grandi tende dell'organizzazione, pasti preparati localmente dai beduini. Ci saranno servizi igienici e un serbatoio dell'acqua per il lavaggio di base.

Con questo tipo di bivacco di colore locale, speriamo di creare un'atmosfera piacevole e tipica, che si sente davvero nel deserto.