L'allenamento di un format Ultra è un evento che di solito si svolge in montagna.

Questo format prevede molti passaggi in quota (> 2500mt), in condizioni climatiche che possono essere molto difficili (notte, vento, freddo, pioggia o neve), richiede un ottimo allenamento, attrezzature adeguate e una reale capacità di personale autonomia. Un Ultra è un format di gara che supera gli 80km e gli 800D+ con meno del 15% di strada.


Correre un Ultra?

La parola del Team

Trova i consigli dei nostri esperti e atleti Jordi Gamito, Maite Maiora, Nathalie Mauclair e Christophe le Saux.

Attrezzatura

Quale scarpa usare per le lunghe distanze? Quale zaino?

Allenamento

Per correre 80Km ci si sta preparando bene! Trova un piano di allenamento strutturato per essere pronto sulla linea di partenza.

La parola al Team RaidLight

" Riscaldati sempre, anche prima di una Ultra, anche se per poco! L'importante è correre per te stesso e non lasciarti trascinare dalle partenze veloci degli altri concorrenti. Devi correre a sensazione, non c'è più bisogno del cardio, ora devi fidarti di te stesso e ascoltare gambe e corpo. La mente è la chiave di questi format, quindi non esitate a leggere e guardare le edizioni precedenti per prepararvi al meglio. Impara il percorso, i punti di ristoro e il dislivello. Stabilire un obiettivo è importante, prepara un piano con i tempi intermedi stimati. Infine, visualizza te stesso mentre attraversi il traguardo. "

Nathalie Mauclair

" Non dimenticare che questo è una gara tecnica in alta montagna con un clima mutevole, organizzati con un'attrezzatura versatile per proteggerti dal freddo, soprattutto di notte. Un ultimo punto sul materiale e sul cibo, dove si consiglia di aver verificato tutto fino alla fine e aver testato negli allenamenti. Insomma, avrete delle sorprese a seconda del percorso e delle vostre sensazioni, cercate almeno di rassicurarvi su cosa potete controllare e ottimizzare. Sulla linea di partenza si ha l'impressione di partire alla conquista di un nuovo mondo, quello degli Ultra. I brividi percorrono il tuo corpo, appena partiti vivrai questo lungo viaggio interiore, scandito da difficoltà e momenti straordinari, con gli occhi spalancati cerca di lasciarti trasportare ... "

LA PAROLA AI MEMBRI DEL TEAM CYRIL C. / ÉTIENNE D.

CONSIGLI SULL'ALLENAMENTO

Preparazione specifica (3-4 allenamenti a settimana)

Per quanto riguarda la programmazione, inizia con: Un breve allenamento di VMA in natura, l'obiettivo è quello di aumentare la velocità. Un blocco di 2 giorni, preferibilmente nei fine settimana per combinare molto volumi con un focus su 2 fine settimana "shock". Una fase di relax
.

Il ritmo o l'obiettivo specifico è quello dell'ultratrail che si correrà.

Per 4 allenamenti settimanali, possiamo aggiungere a metà settimana un allenamento di 1h30' a ritmo specifico in natura, con una progressione di frazioni all'80-85% FCM

2x10' con 2' di R

3x10' con 2' di R

2x15 'con 2' di R

Ritmo di corsa specifico di 50' la settimana di WE Shock 50' specifico ritmo di corsa la settimana successiva al WE Shock 2x20 'con 2' di R

ritmo di corsa specifico di 50' la settimana del ritmo di corsa specifico WE Shock 50' la settimana successiva al WE Shock

Ritmo di corsa specifico di 50'

Ritmo di corsa specifico di 40'

Il consiglio di Nathalie Mauclair

p> Non dimenticare di fare allenamenti tonici in bicicletta e a piedi, uno la mattina e uno il pomeriggio! Impara a correre bene rimanendo efficiente, a evitare passi saltellanti ed essere il più rilassato possibile. Non esitate a lavorare nello specifico: Propriocezione

Pliometria

Tendini

Gli addominali

Il passo in base al terreno

Concentrarsi su ciò di cui abbiamo bisogno per correre e migliorare. Pensa attentamente al recupero, concediti il ​​tempo di recuperare tra gli allenamenti e soprattutto divertiti a correre.

MEGLIO UN ALLENAMENTO IN MENO CHE UNO DI TROPPO.

Gli Utimi Giorni

Non esiste una soluzione veloce. Questa è solo la mia opinione ...
Il punto fondamentale è il riposo: nessuna mancanza di sonno, recupero dal viaggio, nessun allenamento specifico negli ultimi 10 giorni. A differenza di una mezza maratona "corta" o di una gara trail di 50km in cui stai cercando di accumulare esperienza, penso che sia meglio "acclimatarsi" alla montagna. Per questo un programma escursionistico (ad esempio in ricognizione) è l'ideale. Per la Rèunion, generalmente cammino 5-6 ore al giorno, molto lentamente, fino al Martedì, la gara è di Venerdì. Ho anche osservato che sia nell'escursionismo che nelle gare a tappe, ti senti bene in montagna dopo 3 giorni di acclimatamento alla fatica, alle salite, alle discese. Quindi cerco tranquillamente questo "acclimatamento in montagna" la settimana prima.